LETTERA OSPEDALE DI CASTIGLIONE
DI NOTTE SENZA AMBULANZE


Spett. Redazione

Chiedo cortesemente la pubblicazione di questa lettera firmata su un grave problema segnalato da cittadini-utenti.

Voglio segnalare una situazione di disagio e pericolo per gli utenti che persiste nella totale indifferenza da ormai troppo tempo presso l’ex Ospedale pubblico San Pellegrino di Castiglione delle Stiviere. Accade che durante le ore notturne un cittadino che in qualche modo si reca in Pronto Soccorso e necessita di un ricovero presso una struttura limitrofa, ad esempio per mancanza di posti letto, non possa essere trasferito immediatamente in quanto non esisterebbe più il servizio di ambulanze in pronta disponibilità. Il cittadino deve iniziare una inutile ricerca di autolettighe che svolgono servizio solo diurno e comunque programmato. Ad una protesta con richiesta di spiegazioni il cittadino si sente rispondere che il gestore privato ha eliminato il servizio notturno di pronta disponibilità (forse troppo oneroso?) ed il servizio urgenza emergenza 118, ovviamente, non è preposto per questi servizi. A questo punto al cittadino resta la scelta, spesso consigliata, di andarsene a casa ed eventualmente tornare il mattino, o in alternativa fermarsi per tutta la notte in una Astanteria non autorizzata, e quindi priva del personale e della relativa assistenza. In un periodo in cui ci viene presentata la scelta del gestore privato come modello vincente e migliorativo per il cittadino, ci si chiede se la situazione segnalata sia solo una dimenticanza, in quanto sembrerebbe non contemplata fra i servizi utili per l’accreditamento del gestore privato, alla quale l’attuale gestore (noto come interessato unicamente al benessere dei malati e scelto per porre fine agli sprechi del pubblico direttamente dalla regione Lombardia), vi porrà senz’altro rimedio. Ritengo che se questa situazione non sarà risolta in breve tempo. Il dott. Lucchini, il Sindaco Paganella e tutti i difensori di questa mirabile scelta, si sentiranno autorizzati ad attuare e mettere in pratica tutte le garanzie promesse a suo tempo ai cittadini giustamente dubbiosi di cotanto altruismo ed interesse improvviso per l’ospedale pubblico. Una magra constatazione finale: quando il tanto bistrattato servizio pubblico gestiva questa piccola struttura ed i cittadini erano economicamente più poveri e necessitavano, per i più svariati motivi, di maggiore assistenza sanitaria, le situazioni ad esempio segnalate non esistevano e anzi, dove esistevano, ci si organizzava per porvi rimedio; ora non è più così. Sarà stato un miglioramento per gli utenti? Probabilmente per qualcuno sì. In attesa di una risoluzione in tempi brevi di un annoso problema scaricato sui cittadini in un momento di grave difficoltà della vita, sarebbe bello poter discutere, magari pubblicamente, di scelte tanto delicate.Cordiali saluti,

Doriano Caiola

Castiglione delle Stiviere, 25 ottobre 2007

dorianocaiola@alice.it


Commenti »

La URI per fare un TrackBack a questo articolo è: http://www.civetta.info/wp-login.php/wp-admin/wp-admin/wp-trackback.php/wp-trackback.php/wp-trackback.php/wp-trackback.php/wp-trackback.php/1201

Ancora nessun commento

feed RSS per i commenti a questo articolo.

Lascia un commento


Attenzione: i commenti compariranno sul sito previa approvazione del moderatore

Righe e paragrafi vanno a capo automaticamente, l’indirizzo e-mail non viene mostrato, HTML è permesso: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <code> <em> <i> <strike> <strong>