CARPENEDOLO, COMUNE A 5 STELLE?

di Enrico Marini

Tra le innumerevoli idee di Beppe Grillo, il comico più impegnato d’Italia - se così ancora lo si può chiamare - c’è una sorta di guida ai comuni più attivi nel sociale e nella salvaguardia dell’ambiente. Cinque stelle - come quelle della nota guida Michelin - in palio non ad alberghi e ristoranti, bensì ai comuni dello Stivale. Una stella per la connettività, una per i servizi sociali, una per l’acqua, una per la raccolta rifiuti ed una per l’energia. Sarà che è genovese, ma Grillo sul risparmio energetico, la sa lunga. E non è il solo. L’amministrazione comunale di Carpenedolo ha infatti aderito - insieme ad altri comuni del bresciano - al progetto “energia” da fonti rinnovabili di Garda Uno S.p.A. Questa società a totale partecipazione pubblica si prefigge la “diffusione e realizzazione d’interventi e impianti alimentati da fonti di energia rinnovabili”. È con l’obiettivo di rendere alcuni edifici pubblici energeticamente autosufficienti che sono stati installati, sui tetti della palestra scolastica di via Dante e sulla palestra Atene, due impianti fotovoltaici. E senza che il comune sborsasse un solo euro. Proprietaria per vent’anni dei pannelli, Garda Uno ha sostenuto le spese di realizzazione dell’impianto fotovoltaico e, finché ne sarà la titolare, dovrà sostenere quelle per la manutenzione ordinaria e straordinaria. Dopodiché le apparecchiature diverranno di proprietà del comune a titolo gratuito. Inoltre, in questo ventennio, a Garda Uno spetta la manutenzione ordinaria degli impianti elettrici delle due palestre e della scuola elementare. In cambio il comune di Carpenedolo corrisponde a Garda Uno un canone mensile per l’energia prodotta - dai pannelli che alimentano le due palestre e l’annessa scuola di via Dante - scontato del 20 per cento rispetto alla tariffa prima vigente. Col risparmio economico e la produzione di elettricità a emissioni zero, la “stella energia” della guida Grillo il comune del Carpine se l’è già guadagnata. Ma non finisce qui. Infatti l’esigenza di una nuova scuola materna ha stimolato l’amministrazione comunale, che sta realizzando una struttura in grado di “minimizzare i consumi energetici e sfruttare le energie rinnovabili”. Oltre ai pannelli fotovoltaici, l’asilo - che aprirà a settembre 2008 - verrà dotato di un impianto di riscaldamento a pavimento che sfrutterà l’energia geotermica. A cento metri di profondità l’acqua, pescata da un pozzo, ha una temperatura di circa 15 gradi per 365 giorni l’anno. Rispetto alle temperature in superficie: tiepida d’inverno e fresca d’estate. Ed è proprio questo che sfrutterà l’impianto - dotato di sonda geotermica e pompa di calore - con un bel risparmio sul riscaldamento e sulla climatizzazione, ovviamente ad emissioni zero. Ciliegina sulla torta (e che torta!) la nuova pavimentazione del piazzale d’ingresso delle scuole realizzata con malte fotocatalitiche, che a contatto con l’aria e la luce trasformano le sostanze inquinanti in non-nocive. Oltre alla stella energia spetta di diritto a Carpenedolo anche quella per la raccolta rifiuti (48% di raccolta differenziata e primo posto in provincia di Brescia). Le cinque stelle sono forse difficili, ma mai dire mai. P.s. Cari Carpenedolesi e cari lettori: imitiamo Garda Uno che, per contenere il fabbisogno energetico delle palestre e della scuola elementare, ha sostituito le vecchie lampade con quelle a basso consumo. A quelli più sensibili al portafoglio che all’aria che respiriamo ricordo che tre lampade a basso consumo utilizzate circa quaranta ore a settimana ci fanno risparmiare - rispetto a quelle tradizionali - 65 euro il primo anno e ben 340 euro nei quattro anni successivi. Chissà che il portafoglio…


Commenti »

La URI per fare un TrackBack a questo articolo è: http://www.civetta.info/wp-login.php/wp-images/smilies/wp-admin/wp-trackback.php/wp-trackback.php/wp-content/themes/delicate/wp-trackback.php/1245

Ancora nessun commento

feed RSS per i commenti a questo articolo.

Lascia un commento


Attenzione: i commenti compariranno sul sito previa approvazione del moderatore

Righe e paragrafi vanno a capo automaticamente, l’indirizzo e-mail non viene mostrato, HTML è permesso: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <code> <em> <i> <strike> <strong>